Tassi: è la fine dei rialzi?

Scopri l’incidenza dei tassi di interesse nell’ambito economico e getta uno sguardo sulla prospettiva delle politiche dei tassi di interesse a livello globale.

Il 2023 è stato un anno caratterizzato dalla frequente menzione dei tassi di interesse, in particolare in relazione al loro aumento. Ma cosa rende questo fenomeno così significativo per la nostra vita quotidiana, e cosa sta cambiando in questi giorni?

Cosa sono i tassi d’interesse? Come funzionano?

I tassi di interesse svolgono un ruolo fondamentale nell’economia e, di conseguenza, nella vita di ognuno di noi.

Essenzialmente, rappresentano il “costo del denaro” o il rendimento ottenuto da un investimento. Rappresentano la percentuale del capitale iniziale che viene pagata o guadagnata nel corso di un periodo di tempo specifico. In altre parole, i tassi di interesse riflettono il prezzo del denaro nel mercato finanziario.

Quando individui o aziende cercano finanziamenti, spesso si rivolgono alle banche, che a loro volta possono accedere al denaro tramite prestiti da banche centrali, ai quali viene applicato un tasso di interesse.

Negli anni precedenti, questi tassi sono rimasti abbastanza bassi, il che ha reso l’accesso al credito economico molto più facile. Tassi bassi spingono solitamente a più acquisti e investimenti, mentre tassi elevati tendono a ridurre l’entità di questi comportamenti. La quantità e la natura degli investimenti possono variare in base al tasso di interesse.

Tassi di Interesse e Scelte Finanziarie: Impatto sui Mutui

La decisione tra mutui a tasso fisso o variabile è un esempio tangibile di come i tassi di interesse influenzino le scelte finanziarie delle persone. Quando il tasso di interesse è relativamente basso, come è stato negli anni precedenti, i mutui a tasso variabile sono stati particolarmente allettanti. Questi mutui variano in base a come cambiano i tassi di interesse e gli indicatori delle banche centrali. Un aumento nei tassi di interesse ha immediatamente un effetto diretto su chi ha scelto un mutuo a tasso variabile. Le rate del mutuo aumentano, e le spese mensili crescono considerevolmente. Ciò significa che ciò che era stato considerato un investimento conveniente potrebbe ora richiedere una revisione delle spese mensili.

Ma la decisione tra tasso fisso e variabile non è solo una questione di costi immediati. Dipende anche dall’orizzonte temporale e dalla natura dell’investimento. Per esempio, chi ha optato per un mutuo a tasso variabile tre anni fa e ha visto aumentare i tassi potrebbe considerare se i loro obiettivi a lungo termine sono ancora raggiungibili con questi nuovi costi. La strategia di investimento, il tipo di proprietà acquistata, e la previsione sul futuro dell’immobile entrano in gioco. Inoltre, i mutui contratti in passato potrebbero comportare vincoli contrattuali che rendono costosa la loro chiusura anticipata.

Tutto questo complesso quadro dimostra quanto l’innalzamento dei tassi di interesse abbia innescato una riflessione significativa sulle decisioni finanziarie passate e future.

Le persone sono costrette a rivalutare le loro priorità, riconsiderare i loro budget, e potenzialmente cercare strategie finanziarie nuove e innovative per far fronte al cambiamento.

Banche Centrali e Inflazione: cosa succede?

Le banche centrali alzano i tassi di interesse principalmente per controllare l’inflazione. L’inflazione si verifica quando i prezzi dei beni e dei servizi aumentano costantemente nel tempo, ed è spesso associata alla crescita economica. Tuttavia, un’alta inflazione può comportare problemi economici e sociali rilevanti. Prendiamo ad esempio la situazione italiana: con gli stipendi che crescono a ritmi modesti e una crescita economica limitata, l’innalzamento dell’inflazione ha portato all’aumento dei costi e dei prezzi dei beni. In queste circostanze, l’inflazione diventa una sorta di “tassa invisibile” che colpisce le persone senza che se ne rendano conto.

Aumenti di prezzo apparentemente piccoli possono sommarsi a significativi incrementi dei costi totali. Questo fenomeno ha un impatto anche sulle aziende, in quanto l’aumento dei costi di produzione si riflette sui prezzi dei beni e dei servizi da esse offerti, creando una spirale di inflazione.

Nonostante ciò, le principali economie del mondo, tra cui gli Stati Uniti, l’Eurozona e il Regno Unito, si stanno preparando a porre fine all’attuale ciclo di aumento dei tassi di interesse, principalmente con l’obiettivo di contenere l’inflazione.

...
News dai Mercati
Gli Italiani usano ancora il contante?
...
News dai Mercati
Il pastore Eligio Regalado: oltre 3 milioni con una frode crypto
...
News dai Mercati
Gli ETF e l’halving di Bitcoin: di cosa si tratta