Come andare in pensione a 60 anni: soluzioni e idee per il 2024

I requisiti minimi per accedere alla pensione, in questo momento, sono almeno 20 anni di contributi e 67 anni di età. Ma non è detto che in futuro non possano cambiare le regole.

Pensione anticipata nel 2024

Con l’aumento dell’aspettativa di vita e l’evoluzione del panorama lavorativo, sempre più persone stanno prendendo in considerazione di andare in pensione prima dei tradizionali 65 anni. Nel 2024, la prospettiva di un pensionamento anticipato diventa sempre più allettante per coloro che desiderano godersi una vita più rilassata e appagante prima della vecchiaia.

Che cos’è la pensione?

La pensione è un tipo di reddito periodico erogato a un individuo in età avanzata, solitamente dopo aver cessato l’attività lavorativa o raggiunta una certa età, da parte di un ente previdenziale o da un datore di lavoro. È concepita per garantire un sostegno finanziario a coloro che non sono più in grado di lavorare o hanno raggiunto una certa fase della vita in cui è previsto il pensionamento.

Ma come funziona in Italia? Fino al 1995 in Italia vigeva il sistema retributivo, ma da quell’anno in poi è entrato in vigore il sistema contributivo

Il calcolo della pensione del sistema retributivo è basato sullo stipendio degli anni a fine carriera di un lavoratore, perciò, parliamo di quegli anni in cui lo stipendio dovrebbe essere più alto.

La logica di questo sistema è assicurare lo stesso tenore di vita quando si passa dal lavoro alla pensione. Purtroppo, però, è un sistema non sostenibile sul lungo periodo, ecco perché i lavoratori iscritti all’INPS dopo il 31 dicembre 1995 hanno il sistema contributivo: rispetto al sistema retributivo, i pensionati incassano molto meno, perché il calcolo è basato su tutti i contributi versati dal lavoratore nell’arco della sua vita lavorativa.

Pensione anticipata: considerazioni

Accedere alla pensione anticipata richiede il soddisfacimento di determinati requisiti e comporta diverse considerazioni che è importante valutare attentamente.

In molti paesi, i requisiti per la pensione anticipata includono un certo numero di anni di contributi previdenziali e un’età minima. Tuttavia, questi requisiti possono variare a seconda del sistema pensionistico nazionale e delle specifiche normative vigenti.

Prima di optare per la pensione anticipata, è importante considerare attentamente le implicazioni finanziarie e personali di tale scelta. Da un lato, la pensione anticipata comporta un’uscita anticipata dal mercato del lavoro, il che potrebbe influire sulle entrate future e sulla sicurezza finanziaria a lungo termine. Dall’altro lato, potrebbe offrire la possibilità di godersi più tempo libero e di dedicarsi a interessi personali e attività ricreative.

Inoltre, è essenziale valutare la sostenibilità finanziaria, considerando la quantità di risparmi accumulati e la durata prevista della pensione. È consigliabile consultare un consulente finanziario o un esperto pensionistico per valutare le opzioni disponibili e sviluppare una strategia pensionistica personalizzata che tenga conto delle esigenze e degli obiettivi individuali.

Infine, è importante essere consapevoli dei potenziali impatti fiscali e previdenziali della pensione anticipata, compresi eventuali tagli o riduzioni della pensione rispetto alla pensione standard. In alcuni casi, potrebbe essere possibile compensare tali riduzioni attraverso altre fonti di reddito o strategie di investimento.

Pensioni 2024: requisiti

La Legge di Bilancio 2024 non apporta modifiche significative ai requisiti per accedere alla pensione anticipata, i quali sono stati introdotti con la Legge Fornero nel 2011. È importante ricordare che nel 2024, la pensione di vecchiaia è riservata a coloro che hanno almeno 67 anni di età e 20 anni di contributi previdenziali accumulati.

Per quanto riguarda la pensione anticipata nel 2024, i requisiti rimangono stabiliti in base ai contributi versati. Gli uomini devono aver accumulato almeno 42 anni e 10 mesi di contributi, mentre le donne devono averne accumulati almeno 41 anni e 10 mesi, indipendentemente dall’età anagrafica.

Inoltre, per essere ammessi alla pensione anticipata nel 2024, è necessario aver versato almeno 35 anni di contribuzione netta. È importante notare che, oltre ai contributi obbligatori, possono essere considerati anche i versamenti volontari, quelli da riscatto e quelli figurativi.

Una volta soddisfatti i requisiti, chi desidera andare in pensione in anticipo deve attendere un periodo di tre mesi dopo aver presentato la richiesta. Durante questo periodo, noto come “periodo finestra”, è consentito continuare a lavorare. Tuttavia, è stato stabilito che a partire dal 2025, il periodo finestra si allungherà a quattro mesi e aumenterà gradualmente negli anni successivi: cinque mesi nel 2026, sette mesi nel 2027 e nove mesi nel 2028 per i dipendenti statali ex INPDAP, cioè l’Istituto nazionale di previdenza e assistenza per i dipendenti dell’amministrazione pubblica.

Ci sono però delle eccezioni:

  1. Lavoratori precoci. La pensione anticipata è consentita a chi ha cominciato a lavorare all’età di 18 anni.
  2. Lavoratori usuranti. Ci sono alcune attività che la legge ha definito usuranti (lavoro notturno con turni; lavoro svolto in ambienti stretti come le miniere; lavoro produttivo a ciclo ripetitivo come le catene di montaggio; lavoro che comporta la guida di mezzi per il servizio pubblico e trasporto collettivo).
  3. Contratto espansione. Nel 2024 resta valido il cosiddetto contratto di espansione riservato ai lavoratori dipendenti delle aziende con almeno 50 impiegati che vogliono riqualificare il personale attraverso prepensionamenti e nuove assunzioni. In questo caso, serve un accordo sindacale per l’uscita anticipata dei lavoratori
  4. Isopensione. Resta valida anche nel 2024 la cosiddetta isopensione che permette di andare in pensione anticipata di 7 anni. Si tratta di una misura prevista per le aziende che dichiarano di avere personale in esubero. Serve un accordo sindacale che stabilisce il numero degli esodati.

Anticipare la pensione nel 2024: opzioni e strategie

Supponiamo, ad esempio, che tu abbia 58 anni e 43 anni di contributi previdenziali accumulati. In molti paesi, questo potrebbe rappresentare una base solida per l’accesso alla pensione anticipata. Tuttavia, è fondamentale comprendere che le normative pensionistiche possono variare notevolmente da un paese all’altro e che potrebbero essere applicati requisiti specifici per l’età e il numero di anni di contributi necessari per l’accesso alla pensione anticipata.

Consultare un esperto finanziario o un consulente pensionistico è essenziale per valutare le tue opzioni specifiche e sviluppare una strategia personalizzata per anticipare la pensione nel 2024. Questi professionisti possono fornire una panoramica dettagliata delle normative pensionistiche del tuo paese, nonché consigli su come massimizzare i benefici previdenziali e ottimizzare il tuo piano di pensionamento.

Una strategia comune adottata da coloro che desiderano anticipare la pensione nel 2024 è quella di massimizzare i contributi al fondo pensione aziendale o individuale. Investire in un piano pensionistico privato può offrire diversi vantaggi, tra cui la possibilità di accumulare un capitale previdenziale supplementare e garantire un reddito stabile e sufficiente durante gli anni di pensionamento anticipato.

Inoltre, è consigliabile adottare misure per ridurre le spese non essenziali e creare un fondo di emergenza dedicato alle spese impreviste. Questo può contribuire a garantire la sicurezza finanziaria durante il pensionamento anticipato e ridurre al minimo il rischio di dover fare fronte a difficoltà finanziarie.

...
Guida all'Investimento
Come e dove investire sull’Intelligenza Artificiale?
...
Guida all'Investimento
Anticipo TFR: quando e come si può richiedere
...
Guida all'Investimento
Conviene comprare per affittare? Un’analisi dettagliata